Scheda film

La fabbrica è piena. Tragicomedìa in otto atti

Sinossi

- Andiamocene!
- Non si può!
- Perché?
- Perché aspettiamo!
- Già è vero!
[Aspettando Godot, Samuel Beckett]

Ottobre 2010. La Fiat Grandi Motori, stabilimento storico torinese, sta per essere demolito per lasciare spazio ad un centro commerciale. Al suo interno una coppia di senza tetto rumeni – moderni eroi beckettiani – ed un silenzioso veterano della fabbrica abbandonata, soprannominato “l'amministratore delegato”, vivono in un limbo tra disperazione e isterica euforia, tra addii, partenze e subitanei ritorni, violenza repressa e profonda umanità.
La fabbrica in disfacimento diviene palcoscenico della loro personale ed archetipica “tragicomedìa”, il cui ultimo atto si protrarrà fino alla fase finale della demolizione.

Dal nostro archivio

Via della contraddizione

di
Italia, 2012 (17 min)

“Via della Contraddizione” ha come soggetto una delle tante strade che compongono le nostre...

Cité des femmes, images de chantiers en cours, paroles de ceux qui construisent

di
Francia, 2004 (89 min)

Questo film racconta la prima tappa di un progetto di comunità alloggio sostenuto dalla REFDAF...

Diario del Saccheggio

di
Argentina, 2001 (120 min)

Il film ricorda ed analizza il periodo tra gli anni settanta ed il 2001, investigando i motivi...

I have always been a dreamer

di
Stati Uniti, 2012 (78 min)

Quanto influiscono i modelli produttivi nel modificare i parametri di un paesaggio urbano e di una...

© Università degli Studi di Milano 2013